Pesche Emilia-Romagna E-mail
27 Lug, 2009 at 04:37 PM
Un accordo di filiera tra produzione e GDO... 40 cent per l'agricoltore

Un accordo per incentivare il consumo di pesche e nettarine dell´Emilia-Romagna e far fronte alla crisi che sta colpendo il settore. In regione è prodotto un terzo delle pesche e nettarine italiane assicurando ai produttori una remunerazione più alta rispetto all´attuale ed ai consumatori un prezzo contenuto per un prodotto di elevata qualità e tipicità, quale la pesca e nettarina emiliano-romagnola. E´ quello raggiunto a Bologna, primo caso in Italia, per iniziativa dell´assessorato regionale all´agricoltura con: Coop, Conad, Esselunga e Auchan; al termine di una trattativa che ha visto la partecipazione di tutti gli attori della filiera: agricoltori, industria e grande distribuzione.
L´iniziativa permetterà di garantire ai produttori di pesche e nettarine emiliano-romagnoli un prezzo sufficiente a coprire i costi di produzione (contro i circa 20 centesimi attuali, un prezzo questo che costringe, di fatto, a produrre sottocosto) mentre la Grande Distribuzione Organizzata (GDO) si impegna a vendere il prodotto al pubblico ad un prezzo non superiore a 1,20 euro al kg.
Due le confezioni previste per frutti di classe A: il cestino da 1,5 chili con un prezzo massimo al dettaglio di 1,80 euro ed il cartone da 2 kg a un prezzo massimo al dettaglio di 2,40 euro.
Attualmente i costi di produzione in campagna si aggirano tra 0,40-0,45 centesimi al kg, mentre i costi di selezione, confezionamento, etichettatura, spedizione e trasporto incidono per altri 0,40-0,45 centesimi sempre al kg. E´ prevista anche l´attivazione di un pacchetto di misure finanziarie per rendere più facile e conveniente l´accesso al credito dei produttori ortofrutticoli, con priorità ai produttori di pesche e nettarine. Attraverso uno specifico programma saranno stanziati 500 mila euro per abbattere di un punto e mezzo i tassi di interesse sui prestiti a breve termine, per le necessità legate alla anticipazione delle spese per la conduzione aziendale.
Queste le richieste dell´assessore Tiberio Rabboni al ministro delle Politiche agricole Luca Zaia, in una lettera inviata ieri. Innanzitutto la richiesta, per favorire un recupero di redditività delle aziende, dell´abbattimento dei costi attraverso la defiscalizzazione degli oneri contributivi e fiscali a carico dei datori di lavoro; il rifinanziamento del fondo di solidarietà nazionale e una modifica del regolamento comunitario della Organizzazione comune di mercato dell´ortofrutta, relativo al finanziamento di fondi comuni di natura mutualistica per consentire interventi a compensazione del reddito degli agricoltori in annate di crisi.

Get Flash to see this player.

Archivio video pubblicati

Eventi

Tutte le interviste televisive di Agrilinea pubblicate sui social, piattaforma satellitare Sky e digitale terrestre


Clicca sul banner per collegarti


guarda i talk show

Facebook



MareTv.eu


Links

Facebook

fieragricola

LSP Multimedia

Vinitaly

Piraccini Fruit Import Export Ortrofrutta

Enama

New Holland

Annunci